Città e Urbanistica

Genova parte con la stazione unica appalti provinciale

Più controllo sulle procedure di affidamento e maggiore rapidità nello svolgimento delle gare

E' stata costituita, con la firma di una convenzione da parte di tutti i soggetti coinvolti, la Stazione unica appaltante (Sua), istituita presso la Provincia di Genova per gestire le procedure di gara, per appalti di lavori pubblici o per l'acquisizione di beni e servizi, per conto di comuni, consorzi, enti e fondazioni.
Insieme al commissario straordinario della Provincia di Genova Piero Fossati e al prefetto Francesco Antonio Musolino, hanno sottoscritto la convenzione i sindaci di 29 comuni e i presidenti di quattro enti del territorio genovese, ovvero i comuni di Avegno, Bargagli, Bogliasco, Busalla, Camogli, Campo Ligure, Campomorone, Casella, Ceranesi, Cogoleto, Davagna, Fontanigorda, Gorreto, Isola del Cantone, Masone, Mignanego, Montoggio, Neirone, Propata,
Rezzoaglio, Ronco Scrivia, Rondanina, Rossiglione, Rovegno, Sant'Olcese, Savignone, Sestri Levante, Tiglieto, Valbrevenna, l'Ente Parco Naturale Regionale del Beigua, il Consorzio di Gestione dell'Area Marina Protetta di Portofino, la Fondazione Teatro sociale di Camogli e la Società Agenzia di Sviluppo Gal Genovese.
La convenzione è aperta ad altri comuni ed enti che vogliano aderirvi successivamente.

La Sua garantisce un maggior controllo sulle procedure di affidamento, mediante l'adozione di prassi amministrative univoche; rende più penetrante l'attività di prevenzione e contrasto ai tentativi di condizionamento della criminalità mafiosa, fornendo al contempo la celerità delle procedure, l'ottimizzazione delle risorse e il rispetto della normativa in materia di sicurezza sul lavoro; infine razionalizza gli acquisti, traendo beneficio dalle economie di scala collegate all'indizione di procedure di gara di importo consistente.
L'ambito di operatività della Sua provinciale è limitato agli appalti di lavori pubblici di importo pari o superiore ai 150.000 euro e agli appalti di servizi e forniture di rilevanza comunitaria, tuttavia gli enti aderenti possono chiedere l'applicazione della convenzione per appalti di importo inferiore o relativi a contratti di tipologia diversa dall'appalto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA