Città e Urbanistica

Per il Parco urbano di Bagnoli in vista interventi per 200 milioni

L'accordo firmato tra Regione Campania e Bagnolifutura Spa riguarda cinque interventi per piazza archeologica, parcheggi e strade

Il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro e il vicepresidente di Bagnolifutura Spa Massimiliano Di Gioia hanno firmato lunedì 16 luglio in sala giunta il protocollo di intesa per l'attuazione del Grande Progetto «Parco Urbano di Bagnoli».
Con il protocollo viene attivata una collaborazione tra le parti per l'avvio delle procedure attuative del progetto. È stato inoltre deciso di procedere alla stipula di una convenzione per la definizione programmatica degli impegni.
Il progetto consiste nella riqualificazione ambientale dell'area ex Italsider di Bagnoli. In particolare, sono previsti 5 interventi: piazza archeologica e parcheggi alberati, per una spesa di 43 milioni e 600 mila euro, parallela a via Nuova Bagnoli, per una spesa di 6 milioni e 884 mila euro, recupero di via Enrico Cocchia (1 milione e 259 mila euro), prolungamento di via Enrico Cocchia (21 milioni e 174 mila euro), recupero di via Leonardo Cattolica (3 milioni).
Il totale delle risorse stanziate con fondi Por/Fse è pari a 76 milioni, a copertura dei 5 progetti, cui si aggiungeranno in una seconda fase 123 milioni di risorse private, fino a una spesa totale di 199 milioni.

È previsto un complesso sistema di attrezzature per il tempo libero, lo sport e lo svago, e un
polmone verde teso a promuovere il ricco patrimonio di archeologia industriale in esso contenuto e nello stesso tempo a valorizzare le risorse ambientali, naturalistiche e paesaggistiche esistenti.
Un'apposita cabina di regia con compiti di indirizzo, impulso e coordinamento strategico lavorerà all'attuazione del protocollo.
La Regione si è impegnata a garantire la disponibilità delle risorse finanziarie indispensabili per l'avvio della fase attuativa. Bagnolifutura, a sua volta, concorrerà, con eventuali risorse economiche aggiuntive, alla realizzazione di interventi anche complementari ritenuti utili per rafforzare l'intervento complessivo. «Il nostro obiettivo - sottolinea il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro - è dare alla città un territorio risanato e da troppo tempo in attesa di risposte. Con questo rilevante intervento di riqualificazione urbanistica, recuperiamo la vocazione naturale e le bellezze del luogo, a beneficio dei cittadini e come attrattore di sviluppo», conclude il presidente Caldoro.

«Il rilancio di Bagnoli è un scommessa che deve essere vinta ad ogni costo e che passa, necessariamente, per la riqualificazione ambientale dell'area affinchè sia restituita ai suoi cittadini e diventi un volano di sviluppo e investimento per l'intera città. Per la nostra amministrazione e per Bagnolifutura, dunque, lo sblocco di queste risorse finanziarie ha sempre rappresentato una priorità, essendo una condizione indispensabile per poter avviare concretamente il progetto del Grande Parco Urbano in un contesto di generale ripresa dell'attività dei cantieri, che a breve porterà all'inaugurazione della Porta del Parco, prevista nei prossimi giorni, e dell'Acquario tematico e del Parco dello sport entro l'autunno» aggiunge il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.


© RIPRODUZIONE RISERVATA