Città e Urbanistica

«Ci sarà più riqualificazione, ma nessun veto sui grattacieli»

L'assessore milanese all'Urbanistica De Cesaris commenta il nuovo Pgt: «Da questo piano mi aspetto una città più bella»


Con oltre 2.000 osservazioni accolte o parzialmente accolte il nuovo strumento urbanistico di Milano approvato si annuncia diverso da quello partorito dalla precedente Giunta. All'avvocato Ada Lucia De Cesaris nel suo primo anno come assessore all'urbanistica meneghina è toccato il compito di governare la revisione totale del Pgt.
Quale Pgt è uscito dall'approvazione definitiva?
Questo Pgt vuole restituire un'idea di equilibrio e mettere ordine in una città che ha già tanti cantieri aperti ma in grande difficoltà. Ci sono le aree di trasformazione, gli Atu, ma sono state ricondotte a una maggiore realtà del contesto in cui stiamo vivendo per quanto riguarda soprattutto le abitazioni. Mi aspetto una città che grazie a questo Pgt sarà in grado di esprimere maggiore cura e bellezza.
Si parla solo delle aree di trasformazione, ma cosa avete pensato per l'esistente da riqualificare?
Il Pgt adesso punta molto sulla riqualificazione dell'esistente. È previsto il massimo del bonus volumetrico consentito dalla legge regionale urbanistica per la sostenibilità energetica. Nelle riqualificazioni attraverso la realizzazione di nuove costruzioni consentiamo il recupero della Slp esistente così da superare il problema che sorgeva con la demolizione e ricostruzione più il rispetto della sagoma. Inoltre le volumetrie aggiuntive prodotte dai bonus volumetrici per la sostenibilità se non utilizzabili nel contesto che li ha generati potranno essere trasferiti in altri ambiti.
Minori volumetrie con l'indice ridotto: stop ai grattacieli?
Non ci sono preclusioni a priori sui grattacieli, ma credo che gli interventi nelle Atu debbano essere discussi in Consiglio e avere dalla loro un disegno architettonico e urbanistico importante. Penso che il Pgt debba regolare l'ordinario con i piani attuativi, mentre lo straordinario debba necessariamente passare in Aula per valutarne il contenuto. Anzi credo che questo Pgt sia molto liberista perché accoglie in toto tutti gli snellimenti e liberalizzazioni introdotte recentemente dal legislatore sui titoli abitativi.
Ora le modifiche con le osservazioni, poi un nuovo Pgt?
Il Pgt sarà pubblicato penso tra settembre e ottobre prossimo e crediamo debba durare cinque anni, quindi si faranno le valutazioni del caso.[QUADRAROSSO]
[COPY]© RIPRODUZIONE RISERVATA


© RIPRODUZIONE RISERVATA