Città e Urbanistica

Tramonta l'ipotesi mutuo, per il nuovo centro del Policlinico di Milano in arrivo la gara per individuare un arranger

Massimiliano Carbonaro

L'operazione servirà a individuare i 200 milioni necessari al progetto - Subito dopo scatterà il bando per i lavori

Scartato un mutuo o la cessione di porzioni del proprio patrimonio, il Policlinico di Milano segue vie alternative per individuare 200 milioni di euro e così finanziare la realizzazione della sua nuova struttura ospedaliera. Il primo passo sarà una gara per individuare un arranger che si dovrà presentare con le basi per un'operazione finanziaria in grado di sostenere economicamente l'intera operazione.

Prima la gara per l'arranger e poi in seconda battuta quella per i lavori: sarà un 2012 caldissimo per l'Ospedale Maggiore meneghino. Il centro ospedaliero che negli ultimi anni ha rivoluzionato le sue strutture riqualificando i padiglioni Monteggia e Invernizzi all'interno del suo perimetro, punta a costruire il suo nuovo centro medico. Questa iniziativa che ha radici nell'accordo di programma sottoscritto nel 2000 e integrato nel 2004 arrivato al dunque si scontra con l'attuale situazione finanziaria e con l'obiettivo dichiarato dal Policlinico di non dismettere propri cespiti. Secondo le stime un mutuo sarebbe problematico perché la rendita del patrimonio dell'istituto non risulta sufficiente a sostenere le elevate rate. Ma anche la dismissione di alcuni pezzi delle risorse immobiliari potrebbe non garantire la copertura finanziaria vista l'attuale situazione del mercato. Nel 2011 il centro ospedaliero aveva reso noto che il complesso degli immobili di proprietà era valutato 1,5 miliardi di euro. Alla fine è stata quindi adottata la soluzione individuata grazie a un parere legale reso dagli studi Cerami e Schiumé Zaccheo e associati prevede che venga selezionato un arranger che si presenterà con la progettazione e attuazione di un'operazione finanziaria. A breve è attesa la pubblicazione della gara in cui verranno svelati maggiori dettagli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA