Città e Urbanistica

Expo, ridimensionato ma vivo il progetto per le vie d'acqua

Massimiliano Carbonaro

Persi circa 100 milioni rispetto al progetto originario da 330 milioni

Non sarà il canale navigabile leonardesco in grado di portare le imbarcazioni dalla Darsena di Milano fino all'area dell'Expo, ma la Regione Lombardia non ha abbandonato l'idea di rivitalizzare la rete di canali presente sul territorio. Reso noto un piano di interventi per circa 235 milioni di euro che comprende il progetto Via d'acqua-Parco dell'Expo e valorizzazione dei Navigli.
Il piano originario previsto per la manifestazione del 2015 prevedeva un nuovo percorso di 20 km insieme alla riqualificazione di aree verdi per circa 800 ettari accompagnati dal recupero di una serie di edifici storici sul tracciato che congiungeva il centro del capoluogo meneghino all'area della kermesse internazionale. I costi complessivi dell'operazione, stimata per oltre 330 milioni di euro, e problemi idrici insormontabili, hanno fatto però tramontare questa strada. Ma l'idea di potenziare la rete di canali che storicamente circonda Milano non è stata abbandonata, ridimensionata sì, modificata pure. Nasce così un complesso di interventi che guardano oltre la data fatidica dell'Expo ma che potranno comunque garantire in tempo per la manifestazione alcune priorità. Si tratta in prima battuta di opere necessarie per assicurare il regolare approvvigionamento idrico del sito espositivo (82 milioni); per la riqualificazione ambientale del reticolo idrico e di valorizzazione turistica del collegamento Milano-Lago Maggiore-"anello verde e azzurro"-Canale Villoresi-Naviglio Grande (30 milioni); per il recupero della Darsena meneghina e del tratto milanese del Naviglio Grande e per la messa in rete dell'esteso sistema di parchi ad ovest della città di Milano fino al sito Expo e al Polo della Fiera di Pero-Rho (82 milioni). Infine sono previsti interventi di recupero degli elementi del paesaggio rurale e di valorizzazione del territorio agricolo (9 milioni). Il presidente della Regione Roberto Formigoni assicura che sono interventi che saranno ultimati prima della partenza dell'Expo. A questo pacchetto che pesa 203 milioni di euro si è aggiunta l'idea di rimodernare i 152 km dei Navigli per un'altra trentina di milioni di euro con il recupero delle sponde e la valorizzazione turistica.


© RIPRODUZIONE RISERVATA