Città e Urbanistica

Trento ricolloca 528 operai edili

Il costo dell'operzione è di 6 milioni finanziati dal Parlamento europeo

Via libera da parte della Giunta provinciale di Trento all'accordo con il ministero del Lavoro per interventi occupazionali straordinari destinati agli espulsi dal settore delle costruzioni edili.
L'accordo giunge dopo la sottoscrizione, all'inizio di dicembre, del protocollo tra la Provincia autonoma di Trento e quella di Bolzano per la ricollocazione lavorativa di 528 lavoratori espulsi dal settore dell'edilizia da 323 aziende della regione, e dopo l'approvazione del finanziamento di questo progetto da parte del Parlamento europeo tramite fondi Feg - Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione. Il costo complessivo del progetto è di 6.029.000 euro, la differenza è coperta in parte dalle Province autonome di Trento e di Bolzano e in parte dall'Inps.


© RIPRODUZIONE RISERVATA