Città e Urbanistica

Osapp: piano carceri inutile

Alessandro Lerbini

«Destinare i fondi alla costruzione di scuole e all'edilizia popolare»


Per mancanza di personale e per problemi con le aziende sanitarie locali è diventato «ormai del tutto inutile» il piano straordinario di edilizia penitenziaria delle carceri ; a questo punto sarebbe «meglio» utilizzare i fondi previsti, 670 milioni di euro, «soprattutto nelle aree con maggiore incidenza criminale, per la costruzione di scuole e di alloggi per l'edilizia popolare». Lo
sostiene il sindacato autonomo della polizia penitenziaria Osapp in una lettera al Ministro della Giustizia Paola Severino e ai gruppi parlamentari di Camera e Senato.
«Emblematiche» sono, a riguardo, le situazioni nel Lazio degli istituti di Velletri e di Rieti, «in cui non è stato reso disponibile dalle competenti aziende sanitarie un numero di medici e di paramedici in grado di far funzionare, nel primo caso il nuovo padiglione per 200 detenuti e nell'altro caso per portare dall'attuale 50% al 100% la capienza della struttura».
Ma anche del centro diagnostico e terapeutico del carcere di Secondigliano a Napoli (250 detenuti), dove non è stato rinnovato l'incarico a 56 medici, «con ciò obbligando il personale di polizia penitenziaria ad accompagnare all'esterno, persino per un prelievo del sangue, soggetti anche di rilevante pericolosità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA