Città e Urbanistica

Architetto dell’anno e giovane talento 2018, entro il 28 settembre le candidature

Q.E.T.

Torna il doppio premio promosso dal consiglio nazionale insieme a tutti gli ordini degli architetti

C’è tempo fino al prossimo 28 settembre per candidarsi ai premi “Architetto Italiano” e “Giovane talento dell'Architettura italiana” promossi dal Consiglio nazionale degli architetti insieme alla rete degli ordini territoriali, nell'ambito della Festa dell'Architetto 2018.

I premi sono articolati nelle categorie opere di nuova costruzione, opere di restauro o recupero, opere di allestimento o d'interni e opere su spazi aperti, infrastrutture, paesaggio e, da questa edizione, anche opere di design. La partecipazione è aperta a professionisti singoli o associati. Si possono proporre opere completate dopo il 1° gennaio 2014 «che abbiano contribuito a trasformare, promuovere, diffondere e salvaguardare la cultura, il territorio e l'innovazione architettonica».
È prevista l’iscrizione esclusivamente con modalità telematica, attraverso il sito del consiglio degli architetti, all’apposita pagina dedicata alla Festa dell’Architetto.

La proclamazione dei vincitori avverrà durante la Festa dell'Architetto 2018 che si terrà il 16 e 17 novembre, a Venezia, in coincidenza con la chiusura della 16esima Biennale di architettura di Venezia. Alla Festa dell’Architetto parteciperà anche il progettista francese Dominique Perrault.

«La Festa dell'Architetto - dice la consigliera Alessandra Ferrari - rappresenta tradizionalmente un momento di condivisione e di riflessione sull'architettura e sul lavoro degli architetti: celebrarla significa ridare la giusta visibilità al valore della trasformazione del territorio attraverso progetti di qualità. Tutto ciò con l'intento di ricostruire l'attenzione, anche oltre il mondo degli addetti ai lavori, attorno al ruolo che l'architettura da sempre riveste nella società e di valorizzare quei professionisti che hanno saputo raccogliere le sfide che l'architettura contemporanea impone oggi».

«Anche quest'anno - aggiunge - le opere selezionate verranno pubblicate nello “Yearbook”, giunto alla terza edizione, distribuito in Italia e all'estero come strumento di promozione della qualità progettuale degli architetti italiani nel nostro Paese e nel mondo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA