Città e Urbanistica

Corruzione, due anni e mezzo a Ligresti, Casamonti e Gianni Biagi per la vicenda Castello a Firenze

E.T.

Uscite le motivazioni: «incarichi fittizi da parte di Ligresti ad architetti amici dell'ex assessore comunale in cambio del via libera all'operazione urbanistica»

«Attraverso il rilascio dei permessi di edificazione degli edifici privati», l' ex assessore comunale a Firenze Gianni Biagi ricompensò il Gruppo Ligresti, che aveva pagato «parcelle per oltre un milione di euro» a due architetti indicati dallo stesso assessore e incaricati della «redazione di progetti assolutamente inutili».
È scritto nelle motivazioni della sentenza d'appello del processo sull'urbanizzazione dell'area fiorentina Castello , pubblicate ieri.

Salvatore Ligresti, l'ex patron di Fondiaria-Sai, all'epoca proprietaria dell'area, è stato condannato a 2 anni e mezzo di reclusione con l'accusa di corruzione . Stessa condanna per Gianni Biagi, per l'architetto Marco Casamonti e per l'allora funzionario di Fondiaria Gualtiero Giombini.
Un anno e un mese la condanna inflitta all'ex assessore fiorentino Graziano Cioni, sempre per corruzione. Cioni e Biagi facevano parte della giunta guidata da Leonardo Domenici.

«L'affidamento degli incarichi professionali agli architetti indicati dall'imputato Biagi - scrive il presidente della seconda sezione, Alessandro Nencini - altro non fu che il pagamento da parte dell'imprenditore di un prezzo, al fine di ottenere dall'assessore Biagi la gestione della 'operazione Castello' (intervento urbanistico del valore complessivo stimato in circa un miliardo di euro) secondo gli interessi economici e preminenti del contraente privato».
Nella sentenza la Corte definisce «intransigente ma chiarissima» e «legittima» la posizione dell'allora presidente della Provincia, Matteo Renzi, che, in assenza della previsione di una gara pubblica, non dette seguito alle indicazioni contenute in un protocollo d'intesa del 2006 per la costruzione del Centro direzionale della Provincia nell'area Castello.


© RIPRODUZIONE RISERVATA