Casa Fisco Immobiliare

Conto termico, il Gse ribatte al Cna: «Tempi super-rapidi nel gestire le domande»

a cura del Gse (Gestore servizi energetici)

La società del Tesoro: «Il 99% delle pratiche gestito entro i 60 giorni del regolamento, l'88% entro 30 giorni, con media 14 gg»

Riceviamo e pubblichiamo

In merito all'articolo "Strumento ancora troppo complicato" pubblicato lo scorso 15 febbraio sul dorso «Edilizia e Territorio» del Sole 24 Ore, è opportuno fare alcune precisazioni.
Nell'articolo a pagina 2 (a firma Giuseppe Latour), Guido Pesaro, responsabile nazionale di CNA impianti, dichiara che «uno dei problemi più gravi della vecchia versione del conto termico è stata proprio la lentezza del Gestore in fase di elaborazione delle domande».

I dati pubblicati dal GSE sul proprio sito internet www.gse.it relativi alle tempistiche di gestione delle pratiche smentiscono, invece, quanto dichiarato: dal 1°aprile 2015 il GSE ha concluso 7.700 istruttorie, il 99% delle quali ha ricevuto un esito di valutazione entro i 60 giorni previsti dalle Regole Applicative. Nel dettaglio, l'88% dei richiedenti ha ricevuto l'esito della valutazione entro 30 giorni dall'invio della richiesta, con un tempo medio di istruttoria di 14 giorni.
Tali risultati sono stati raggiunti durante una fase di crescita delle richieste di accesso al meccanismo incentivante: i volumi delle richieste di concessione dell'incentivo (RCI) sono passati da una media di 600 RCI/mese, nei primi 9 mesi del 2015, fino a 1.200 nel mese di dicembre.

Infine, al 1° febbraio 2016, risultano ammesse all'incentivo complessivamente 16.560 richieste, per un totale di incentivi complessivamente impegnati pari a circa 60 milioni di euro, di cui 80% riconducibili a interventi effettuati da Soggetti privati e il 20% a interventi effettuati da Amministrazioni pubbliche.


© RIPRODUZIONE RISERVATA