Casa Fisco Immobiliare

Investimenti Inail: 201 proposte per 1,7 miliardi. C'è anche la sede Istat

Massimo Frontera

Pioggia di proposte di investimento in risposta al bando dell'Inail scaduto a settembre: la maggior parte sono scuole. La lista integrale

L'Inail fa il pieno di proposte di investimento. Sono 201 le proposte di acquisto giudicate ammissibili in risposta al bando lanciato il luglio scorso e scaduto a metà settembre, per un importo complessivo di quasi 1,7 miliardi . Il bando - previsto dalla legge di Stabilità del 2015 (articolo 1 comma 317) - consentiva di fare proposte per cinque categorie di immobili di pubblica utilità: strutture sanitarie e assistenziali; strutture scolastiche; uffici pubblici; residenze universitarie; altre tipologie di immobili destinati ad utilizzo con finalità sociali.
La categoria più gettonata è stata appunto quella delle scuole, con 104 proposte, seguita dalla categoria residuale "altre tipologie di immobili con finalità sociali" (38 proposte) e dalle strutture sanitarie (38 proproste). Gli uffici hanno totalizzato 23 proposte. Nessuna proposta di residenza universitaria è invece pervenuta all'Inail.

Pioggia di scuole, valori record a Palermo e Firenze
Nella lista c'è una larghissima prevalenza di scuole. Sono ben 104 le strutture realizzate o in costruzione che vengono proposte all'Inail dagli enti locali o dalle province. Una lista che abbraccia l'Italia intera, senza far mancare il protagonismo di alcuni comuni. Reggio Calabria, per esempio mette in vetrina sei scuole, per un importo che varia dai 2,5 milioni ai 6 milioni. Anche il Comune di Roma offre quattro scuole per un valore totale di 17,5 milioni (per importi tra 3,15 e 6,3 milioni). Il Comune di Bastia Umbra offre tre scuole per un valore complessivo che supera i 20 milioni. Belluno propone un solo complesso scolastico, ma che vale 17, 7 milioni. Il Comune di Firenze mette sul piatto ben nove immobili per un valore complessivo di 61,68 milioni di euro, di cui quattro scuole e cinque immobili a finalità sociale. Ma il record degli enti locali spetta a Palermo. Il capoluogo siciliano presenta una lista di sette immobili per un valore che arriva a 158,7 milioni soprattutto per via di un immobile a finalità sociale valutato quasi 97 milioni di euro. Il Comune di Reggio Calabria offre un pacchetto di quattro uffici pubblici per 22,35 milioni. Mentre la provincia di Reggio Calabria vuole vendere all'Inail sei scuole per 24,55 milioni di euro. Un tris di scuole viene proposto anche dal "libero consorzio comunale di Trapani" per un valore di 28, 3 milioni. Infine, il comune siciliano di Licata offre un complesso di uffici pubblici per 30 milioni di euro.

Tra i grandi immobili la sede dell'Istat
Se invece si guarda agli investimenti con il valore unitario più elevato spicca il record della Calabria, dove l'Azienda ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli propone all'Inail un complesso sanitario con uffici che vale 180 milioni di euro. Il secondo immobile per valore unitario è una sede dell'Istat, che viene proposta per 125 milioni di euro. Al terzo posto, si piazza il già citato immobile di utilità sociale del Comune di Palermo da quasi 97 milioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA