Bollettino Bandi

Parma, l'Università affida in concessione il polo dell'innovazione per 63,6 milioni

Alessandro Lerbini

L'intervento prevede la realizzazione di un complesso di edifici con annessi locali tecnologici e aree pertinenziali di parcheggio e pedonali

Un nuovo polo dell'innovazione a Parma. A promuovere la procedura è l'Università degli studi che affida la concessione di costruzione e gestione dell'Innohub. L'intervento, dal valore di 63.671.300 euro, prevede la realizzazione di un complesso di edifici con annessi locali tecnologici e aree pertinenziali di parcheggio e pedonali e la gestione degli stessi per tutta la durata della concessione (25 anni).

L'Università di Parma, nell'ambito dei progetti Mastercampus Scienze e Tecnologie e Mastercampus Med, intende sviluppare un sistema di strutture, secondo la tipologia di un Polo per l'Innovazione, dedicate ad accogliere quelle aziende che sono interessate ad un rapporto ravvicinato e dinamico tra ricerca d'impresa per l'innovazione di processo-prodotto e ricerca universitaria.

Riguardo al Campus Scienze e Tecnologie si tratta dei progetti Innohub e Country food labs, in grado di ospitare circa 35 entità imprenditoriali che potranno lavorare a fianco dei 9 dipartimenti del campus nei settori dell'alimentare, della meccanica e impiantistica alimentare, dell'informatica-elettronica ICT, delle biotecnologie e dell'ambiente, della chimica e della farmaceutica. Un insediamento che si avvale anche della presenza dei padiglioni del Trasferimento Tecnologico, dell'Imem-Cnr, del Tecnopolo finanziato dalla Regione Emilia Romagna, del padiglione pilota Vislab-Ambarella (in fase di costruzione), dei Temporary Lab di Elettric 80 e Hi-Food.

In chiave analoga, ma collocato nel plesso ospedaliero universitario dell'Ospedale Maggiore, l'Università di Parma ha programmato la realizzazione di Tech-MED, una struttura in grado di ospitare circa 8 entità aziendali del settore tecno-medicale all'interno del padiglione ex-Biologici, il cui recupero consentirà anche la collocazione di un training centre e di altre attività di ricerca dell'Università in collaborazione con l'Azienda Ospedaliera.

Questi obiettivi di sviluppo, rientranti per l'Università sia nella strategia di terza missione nei confronti del territorio vasto che di potenziamento degli strumenti della ricerca, si allineano agli standard di collaborazione più avanzati a livello internazionale tra ricerca aziendale ed universitaria, nei termini di scambio di risorse, partnership di progetto, sistematicità e massa critica delle risorse, condivisione degli strumenti, ma anche opportunità formative e placement.

Il bando rimane aperto fino al 16 gennaio 2017.

Vai al bando


© RIPRODUZIONE RISERVATA