Bollettino Bandi

Ponte dei Congressi a Roma, uscito (fuori tempo massimo) il bando da 123 milioni

Massimo Frontera

Il maxi-appalto integrato è stato pubblicato sulla «Gazzetta Europea» il giorno dopo l'entrata in vigore del Codice

Il provveditorato alle opere pubbliche del Lazio-Sardegna-Abruzzo ha finalmente pubblicato il bando di gara del Ponte dei Congressi di Roma, una maxi-opera di cui si parla da 25 anni e che i romani attendono per "stappare" il nodo viario che blocca tre quartieri (Eur, Magliana e Portuense) oltre a fermare il traffico di chi entra nella Capitale dalla Via Pontina e dall'Aeroporto di Fiumicino.
Sarebbe una bellissima notizia, se non fosse per un piccolo dettaglio. E cioè che il bando - chiaramente disegnato sulle norme del vecchio codice dei Contratti - è stato pubblicato il 20 aprile (sulla «Gazzetta Europea»), cioè il giorno successivo alla pubblicazione ed entrata in vigore del nuovo codice appalti. Una situazione comune anche ad altre gare importanti che le stazioni appaltanti si sono affrettate a mandare in pubblicazione proprio per evitare di riformulare la gara in base alle nuove norme. Non sempre però ci sono riuscite.E questo sembra anche il caso - paradossale - di questo appalto. Peraltro, il provveditorato, sempre lo stesso giorno, ha pubblicato anche il bando di servizi (del valore di oltre 1,2 milioni di euro) per la verifica dei progetti definitivo ed esecutivo del Ponte dei Congressi.

SCARICA IL TESTO - IL BANDO DI GARA PUBBLICATO SUL SITO DEL PROVVEDITORATO

Il bando è a procedura ristretta e, più precisamente, prevede la progettazione esecutiva e la realizzazione del «Ponte stradale di collegamento tra l'autostrada di Fiumicino e l'Eur più propriamente denominato "Ponte dei Congressi, viabilità accessoria, sistemazione delle banchine del Tevere ed adeguamento del Ponte della Magliana"».
Il valore a base d'asta è esattamente pari a 123.764.300,69 euro, di cui quasi 9 milioni di euro di oneri per la sicurezza e quasi 1,5 milioni di costo della progettazione esecutiva.
L'opera rientra tra quelle finanziate dal Governo - attraverso il decreto Sblocca Italia, articolo 3 - con uno stanziamento complessivo di 145 milioni di euro. I primi 20 milioni sono previsti nel 2017 mentre gli altri 125 milioni sono iscritti per l'anno successivo.
Il criterio di aggiudicazione è in base all'offerta economicamente più vantaggiosa con gli elementi (e relative premialità) che saranno indicate sulla lettera di invito ai candidati.
Per partecipare c'è tempo fino al 31 maggio.
Ma è chiaro che il provveditorato alle Opere pubbliche del Lazio o - direttamente il ministero delle Infrastrutture - dovranno chiarire i legittimi dubbi sulla regolarità di questo bando rispetto alle regole del codice appalti. Regolarità che l'Acer - per bocca del presidente dell'Acer, Enrico Bianchi - mettono in dubbio.

SCARICA IL TESTO - LA RELAZIONE GENERALE DEL PROGETTO PRELIMINARE


© RIPRODUZIONE RISERVATA