Bollettino Bandi

Novembre boom: gli appalti corrono grazie a comuni, Anas e Ferrovie

Alessandro Lerbini

In 11 mesi promossi 15.901 avvisi (+28%) per 26,4 miliardi (+57%). La Campania fa il pieno di lavori con 2.454 bandi per 3,329 miliardi. L'edilizia abitativa è l'unico settore che rallenta (-23%)

Per il mercato degli appalti il 2014 è l'anno della ripresa. Anche i dati di novembre forniti dall'osservatorio Cresme Europa Servizi sono positivi e per chi opera nell'edilizia pubblica si tratta di un chiaro punto di ripartenza dopo "l'erosione" del settore registrata negli ultimi anni. Nei primi 11 mesi dell'anno sono stati promossi 15.901 bandi per un valore per 26,445 miliardi: nel confronto con lo stesso periodo del 2013 il numero di avvisi cresce del 28,1% e il valore del 57,2 per cento. Proprio novembre ha fatto segnare un boom di gare: +30% per il numero (1.494) e +146% per gli importi (2,6 miliardi).

Stazioni appaltanti
Le amministrazioni comunali, con 9.470 appalti per 5,965 miliardi, rappresentano il 22% della quota di mercato. Grazie allo sblocco dei pagamenti è tornata la liquidità nelle casse dei municipi che si è tradotta in un +29% per la quantità di opere pubbliche e un +54% per gli importi dei lavori.
Al secondo posto della graduatoria per enti si piazzano le aziende speciali che hanno indetto
1.033 nuove gare (+32%) per 2,534 miliardi (+2,6%). Seguono le Ferrovie con 236 bandi (+24,9%) per 2,483 miliardi (+38,5%), le Regioni con 178 appalti (+79%) per 2,131 miliardi (+266%) e l'Anas con 537 avvisi (+24%) per 1,251 miliardi (+124%). Bene anche l'edilizia ospedaliera con 544 gare (+32%) per 1,451 miliardi (+100%) mentre l'unico settore che registra entrambi i segni negativi è l'edilizia abitativa dove i 222 bandi per 277 milioni corrispondono a un calo del 10% per il numero e del 23% per i valori.

Classi d'importo
Il ritorno sul mercato delle maxiopere ha dato un grosso slancio agli appalti pubblici ma la crescita riguarda tutti i segmenti, dal più grande per arrivare ai piccoli lavori. Per le opere superiori ai 50 milioni il Cresme ha rilevato 86 gare (+132%) per 12,492 miliardi (+120%). Tra 15 e 50 milioni sono stati pubblicati 128 lavori (+20%) per 3,395 miliardi (+20%). Incrementi più consistenti tra 500mila euro e un milione (+37% per i valori) e sotto i 500mila euro (+34%).

Aree geografiche
La Campania fa il pieno di lavori con 2.454 bandi (+90%) per 3,329 miliardi (+172%). Seguono il Lazio con 645 appalti (+9%) per 2,760 miliardi (+143%) e la Lombardia con 1.712 gare (+28%) per 2,356 miliardi (+8%).


© RIPRODUZIONE RISERVATA