Bollettino Bandi

Stresa cede la vecchia scuola per averne una nuova, con appalto integrato da 10 milioni sul preliminare

M.Fr.

La provincia di Verbano Cusio Ossola lancia gara per una nuova scuola a Stresa con annesso campo sportivo calcistico. Appalto sul preliminare. Procedura aperta. Aggiudicazione in base all'offerta economicamente più vantaggiosa. Scadenza 30 aprile

La provincia piemontese di Verbano Cusio Ossola sperimenta nel Comune di Stresa l'appalto di una nuova scuola proponendo contemporaneamente la cessione del vecchio plesso. Ha infatti lanciato un appalto per realizzare nella cittadina lacustre il nuovo complesso scolastico alberghiero "Maggia" e il nuovo campo sportivo a uso calcistico.
Per l'affidamento è stata scelta la formula dell'appalto integrato sul preliminare, con procedura aperta. Il valore, stimato in base al progetto preliminare dell'ente, è di poco più di 9,3 milioni.

Il pagamento è previsto in parte in denaro e parte in immobili. La parte "liquida" viene da un mutuo della Provincia con Cdp per poco più di 4,4 milioni di euro, cui si aggiunge una quota di fondi regionali (2,3 milioni circa) e del Comune di Stresa (300mila euro).
Per la restante parte l'impresa verrà remunerata con la cessione del vecchio plesso scolastico "Maggia", valutato quasi 4 milioni di euro. Il trasferimento - precisa il bando - sarà perfezionato solo dopo il collaudo delle nuove strutture. Tuttavia, nel periodo che separa l'aggiudicazione e il trasferimento di proprietà, l'aggiudicatario verrà risarcito con un indennizzo di 127.543 euro l'anno.

Il vincitore si impegna a realizzare la nuova scuola in massimo 3 anni e il nuovo campo sportivo in massimo un anno.

A fronte dell'importo complessivo indicato in circa 9,3 milioni, il bando precisa che l'importo dei lavori è stimato in 8,6 milioni circa, cui si aggiungono 370mila euro di oneri per la sicurezza e 385mila euro circa di costo della progettazione (esecutiva e definitiva) e coordinamento della sicurezza. L'appalto include ovviamente progettazione ed esecuzione. L'impresa esecutrice deve essere qualificata per le seguenti lavorazioni (e relative classi di importo): edifici civili e industriali (OG1, classifica VI), impianti tecnologici (OG11, classifica IV) e strade (OG3, classifica III).

Per quanto riguarda l'offerta economica, i concorrenti devono presentare un'offerta al ribasso sull'importo di esecuzione e un'offerta al rialzo sul prezzo di cessione del vecchio edificio. La Provincia ha deciso di premiare soprattutto gli aspetti tecnici, nella convinzione di ritenere «rilevanti ai fini dell'aggiudicazione, non solo la migliore offerta economica ma soprattutto le caratteristiche qualitative, estetiche, tecniche e funzionali» della nuova scuola.

Aggiudicazione in base al criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, con un premio di massimo 45 punti su 100 per i seguenti elementi tecnici della nuova scuola: aspetti architettonici, qualità dei materiali, soluzioni tecnologiche per il contenimento dei consumi e il benessere abitativo, inserimento dell'immobile nel contesto abitativo, ridotti costi di manutenzione, tecniche costruttive e organizzazione del cantiere. Gli aspetti tecnico-qualitativo del campo sportivo vengono invece premiati con massimo 30 punti, considerando qualità (15), pregio tecnico (10) e caratteristiche funzionali (5). Infine, i restanti 25 punti verranno attribuiti alla migliore offerta economica.

Le offerte devono essere inviate entro il prossimo 30 aprile (con apertura delle buste il 5 maggio successivo).

Scarica il bando (link )


© RIPRODUZIONE RISERVATA