Bollettino Bandi

I maxilavori dell'anno arrivano dalla galleria del Brennero

Alessandro Lerbini

A pochi giorni dalla fine dell'anno il titolo di "opera del 2013" nel settore degli appalti pubblici la conquista la galleria ferroviaria di base del Brennero. Proprio dal confine tra Italia e Austria arrivano due delle prime dieci gare (esattamente la prima e la quarta) promosse negli ultimi 12 mesi. Il primo posto va al lotto principale Tulfes-Pfons in Austria che costituisce parte della galleria ferroviara di base del Brennero (valore 460 milioni, gara Bbt scaduta il 19 dicembre) mentre la quarta posizione spetta al lotto di costruzione del sottoattraversamento del fiume Isarco a Fortezza, in località Prà di Sopra, in provincia di Bolzano (365 milioni, termini per partecipare ancora aperti fino al 7 gennaio del prossimo anno).

Il settore dei rifiuti irrompe nella Top ten con tre procedure che prevedono lavori e gestioni pluriennali: la concessione del servizio di raccolta e trasporto relativo alla gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati dell'ambito territoriale integrato n. 4 Umbria di Terni (439 milioni), la concessione connessa allo svolgimento del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani nell'area omogenea Bacino 16 dell'ambito territoriale ottimale della provincia di Torino (390 milioni), il dialogo competitivo per la concessione della progettazione definitiva ed esecutiva, realizzazione e gestione del termovalorizzatore per i rifiuti stoccati in balle nella Regione Campania (316 milioni).

Per il project financing a iniziativa privata va segnalata la concessione di lavori pubblici per la progettazione definitiva ed esecutiva e la realizzazione della Città della salute e della ricerca nel Comune di Sesto San Giovanni (operazione dal valore di 323 milioni promossa da Ilspa).

Per i lavori "puri" di sola esecuzione il Consorzio per le autostrade siciliane ha promosso a luglio i lavori di esecuzione delle opere e forniture necessarie per la costruzione del lotto unico funzionale 6+7 e 8 «Ispica - viadotti Scardina e Salvia - Modica», II° tronco, dell'autostrada Siracusa-Gela di 19,5 chilometri (289 milioni).

Altre due strade con ricerca di capitali privati sono andate in gara in Trentino e in Veneto. Scade il 18 febbraio del 2014 il bando promosso dalla Provincia di Trento per la progettazione definitiva, esecutiva e l'esecuzione dei lavori di realizzazione del collegamento Loppio-Alto Garda sulla Ss 240, nonché la gestione dell'intera tratta stradale compresa tra il casello autostradale A22 di Rovereto Sud ed il km 106,848 della Ss 45 bis Gardesana Occidentale (confine con la provincia di Brescia). Il valore dell'operazione ammonta a 263 milioni.

La Regione Veneto assegna per 200 milioni in concessione la progettazione definitiva ed esecutiva, la costruzione e la gestione della superstrada a pedaggio denominata «Via del mare: collegamento A4-Jesolo e litorali».

Infine il decimo posto delle gare più importanti promosse nel 2013 spetta alla progettazione e realizzazione della nuova centrale di cogenerazione a biomassa da 43.5 MWe da realizzarsi all'interno dello stabilimento multisocietario Enipower di Porto Torres (170 milioni).


© RIPRODUZIONE RISERVATA