Bollettino Bandi

Enti locali, Itaca lancia la guida sull'offerta più vantaggiosa

Una guida operativa per l'utilizzo del criterio d'aggiudicazione dell'offerta economicamente più
vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione. A fornire supporto alle pubbliche amministrazioni è Itaca, organo tecnico della Conferenza delle Regioni, che unitamente a Siteb e
Ance ha presentato a Roma il documento che illustra le opportunità che il codice dei contratti pubblici ha dato alle stazioni appaltanti, in attuazione delle direttive comunitarie, di selezionare le offerte non più in via esclusiva con il criterio del prezzo più basso ma ponendo sullo stesso piano anche il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, in modo da poter coniugare in maniera appropriata e oggettiva il rapporto qualità e prezzo.

La Siteb (l'associazione che raggruppa i principali operatori del settore stradale e del bitume) ha anche presentato i dati di Unione Petrolifera relativi al consumo di bitume nel 2012, che confermano le più fosche previsioni avanzate dagli analisti a inizio anno. Il mercato italiano di prodotti bituminosi, non solo è depresso ma nel corso di appena 6 anni si è quasi dimezzato. «Se nel 2006 per mantenere in ordine la nostra rete stradale erano necessari 44 milioni di tonnelate di conglomerato bituminoso - afferma l'associazione -, nel 2012 ne sono bastati poco più di 23. Enti locali, pubbliche amministrazioni e gestori di strade in genere, da 6 anni hanno avviato una politica di riduzione costante della spesa pubblica che ha gravato soprattutto nel comparto della manutenzione stradale. Gli effetti del resto sono evidenti agli occhi di tutti: basta viaggiare su una qualsiasi strada che non sia una autostrada, per rendersi conto della pessima qualità del manto d'asfalto e dei rischi che corrono gli utenti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA