Bollettino Bandi

Project financing, quattro in corsa per il maxi ospedale di Trento

A.A.

Alla scadenza del 13 agosto le offerte di Impregilo, Pizzarotti, Ing. Mantovani e Cmb. Gara a fase unica, presentati i progetti preliminari. Costo (con Iva) di 300 milioni di euro

Per la realizzazione del nuovo ospedale di Trento (concessione di costruzione e gestione in base alla procedura del promotore a fase unica di cui all'articolo 50-quater della legge provinciale sui lavori pubblici , mettendo a base di gara il solo studio di fattibilità; costo di costruzione stimato in 300 milioni di euro Iva compresa: scarica qui tutti i dettagli ) sono stati presentati metri e metri cubi di progetti, plastici, relazioni tecniche e cartografie, pari a circa 20 quintali. Per la sola progettazione d'altra parte (dal preliminare all'esecutivo), il bando prevedeva una spesa di 20,7 milioni di euro da parte delle cordate che partecipano alla gara. In una sala della committente Provincia autonoma di Trento, ieri (20 agosto) la Commissione esaminatrice nella sala delle Aste di via Dogana a Trento ha verificato i requisiti di ammissione del primo atto di assegnazione.
Ognuna delle quattro cordate di imprese che concorrono alla realizzazione edilizia ha speso -secondo un partecipante al pubblico appalto- circa 500mila euro per produrre la documentazione, senza avere ovviamente certezza di incarico finale.

Per la consegna del materiale c'é chi ha usato casse di legno tipo spedizione navale, chi
scatoloni di cartone super rinforzato, chi ha messo la documentazione in una specie di armadio sigillato con la plastica. L'appalto è articolato sia sull'offerta per la realizzazione dell'ospedale che nascerà in zona via Al Desert a Trento (costo 300 mln di euro, di cui 160 finanziati dall'ente pubblico), sia riguardo la gestione per 25 anni di servizi non sanitari (come lavanderia e parcheggi). In totale per questa gara multi-servizi, la Provincia autonoma di Trento
ha previsto una spesa cumulata annua pari a circa 1,7 miliardi di euro, tramite la sua collegata Azienda provinciale dei Servizi Sanitari (Apss). A concorrere società di costruzioni edili del calibro di Impregilo di Milano, Pizzarotti di Parma, Ing Mantovani di
Mestre e Cmb (Cooperativa muratori braccianti) di Carpi (Modena). Entro la fine dell'anno si conoscerà il nome della cordata vincitrice.


© RIPRODUZIONE RISERVATA