Ambiente e Trasporti

Autotrasporto, firmato dal Mit il decreto sulla deduzione delle spese forfettarie

Giuseppe Latour

Il ministro Graziano Delrio ha firmato il Dm interministeriale che aumenta da 60 a 70 milioni le risorse destinate alla deduzione forfettaria delle spese non documentate

Arrivano i fondi per la deduzione forfettaria delle spese non documentate. Il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio ha firmato il decreto interministeriale che prevede l'aumento da 60 a 70 milioni di euro delle risorse destinate alla deduzione forfettaria delle spese non documentate del settore dell'autotrasporto, insieme al provvedimento per l'attuazione delle misure in favore della formazione professionale.

«Abbiamo liberato risorse per il settore dell'autotrasporto. Manteniamo gli impegni, riduciamo di fatto i costi e sosteniamo concretamente il comparto», sottolinea il sottosegretario Simona Vicari. A seguito di un intenso impegno dell'amministrazione e di una costante interlocuzione con il ministero dell'Economia e delle Finanze, rileva Vicari, «con la firma dei provvedimenti da parte del ministro consolidiamo e rilanciamo l'iter per l'effettiva utilizzazione delle risorse per il settore dell'autotrasporto di merci, finalizzate anzitutto alla riduzione dei costi di esercizio delle imprese meno strutturate. Saranno disponibili, in tempi rapidi, per le imprese le procedure necessarie per la presentazione delle domande per l'ottenimento dei benefici previsti dalla Legge di stabilità di quest'anno».

Il lavoro svolto in questi mesi, tuttavia, aggiunge Vicari, «non costituisce un punto di arrivo, ma ci spinge ad un impegno sempre più proficuo per la risoluzione delle questioni che interessano il settore, prima tra le quali l'attuazione delle disposizioni normative relative alla decontribuzione e agli incentivi in favore del trasporto intermodale, misure attualmente in corso di definizione anche a livello comunitario».

L'iniziativa, dopo settimane di polemica con le aziende del settore, è stata accolta con soddisfazione. Anche se restano i nodi delle risorse previste in legge di Stabilità e non ancora spese. Confartigianato Trasporti, si legge in una nota, «ritiene indispensabile che si proceda velocemente alla definizione dei necessari adempimenti per consentire l'effettiva utilizzazione delle risorse per l'autotrasporto, finalizzate alla riduzione dei costi di esercizio delle imprese meno strutturate. Tuttavia, questo non è un punto di arrivo, poiché si attende la risoluzione di altre questioni quali l'attuazione della norma sulla decontribuzione, i provvedimenti sugli incentivi per il trasporto intermodale, che sono in corso di definizione a livello comunitario».


© RIPRODUZIONE RISERVATA