Ambiente e Trasporti

Autotrasporto, da Bruxelles ok a sanzioni «armonizzate» e tachigrafi hi-tech

G.La

La Commissione europea ha approvato le nuove regole per scoraggiare dumping e concorrenza sleale nel trasporto su gomma

Via ai tachigrafi di nuova generazione e a un sistema armonizzato di sanzioni per le violazioni più gravi alle regole del codice della strada. Sono i punti principali della nuova regolazione appena approvata dalla Commissione europea. Gli autotrasportatori, nei piani di Bruxelles, saranno così sottoposti a una vigilanza più stretta che dovrebbe scoraggiare le pratiche di concorrenza sleale e dumping, molto frequenti in diversi paesi, tra cui l'Italia.

Le regole, in dettaglio, includono una classificazione comune delle violazioni al codice della strada e nuove specifiche per i tachigrafi, gli apparecchi che misurano i tempi di guida e di riposo degli autotrasportatori. L'obiettivo è di migliorare la sicurezza stradale, contribuendo a una competizione più corretta tra gli operatori del trasporto su strada e facilitando un consistente rafforzamento delle norme sui trasporti transnazionali.

La regolazione della Commissione sulla classificazione delle violazioni al codice della strada riguarda gli operatori professionali: vengono messi nel mirino quei comportamenti che, una volta accertati possono portare nei casi peggiori alla perdita della licenza comunitaria. Avere una classificazione comune ridurrà quelle ipotesi nelle quali i paesi si comportavano in maniera differente verso lo stesso tipo di violazioni. In aggiunta, le sanzioni per i comportamenti dovrebbero diventare più efficaci, dal momento che i paesi membri saranno anche obbligati a scambiarsi informazioni sulle violazioni, attraverso un registro elettronico che dovrà essere adottato a partire da gennaio del 2017. Al momento, comunque, non esiste ancora una lista definitiva.

Dal lato dei tachigrafi di nuova generazione, invece, questi apparecchi potranno utilizzare le ultime tecnologie digitali disponibili, come Galileo ed Egnos, i due sistemi di posizionamento satellitare dell'Ue. Il tachigrafo trasmetterà i suoi dati direttamente agli organi di controllo, quando il veicolo inizia a muoversi, rendendo più semplici le attività di verifica. La partenza e l'arrivo saranno registrati in maniera automatica. In prospettiva, questo consentirà di creare un sistema elettronico unificato di controlli sulle attività di trasporto.

Il commissione europeo ai Trasporti, Violeta Bulc commenta con soddisfazione le novità: «Voglio una competizione corretta sulle strade europee e voglio che le strade siano più sicure possibile. La classificazione comune delle violazioni è un importante passo avanti verso un rafforzamento e un più facile adeguamento alle regole. La nuova generazione di tachigrafi smart offrirà nuovi modi per assicurare il rispetto dei tempi di guida e di riposo, rendendo le frodi più difficili».


© RIPRODUZIONE RISERVATA