Ambiente e Trasporti

Boom dei veicoli commerciali: a gennaio vendite a +28% grazie agli incentivi

Giuseppe Latour

Rilevazioni Unrae (case automobilistiche estere) anno su anno - Gli sconti in Stabilità spingeranno il settore almeno del 15% nel 2016

Boom dei veicoli commerciali a gennaio 2016. E' quanto emerge dalle rilevazioni di Unrae. L'associazione delle case automobilistiche estere ha appena pubblicato il primo monitoraggio del nuovo anno. Dai dati risulta una crescita a doppia cifra del settore: +28% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Una performance eccezionale, determinata soprattutto dai benefici fiscali introdotti dalla legge di Stabilità: i superammortamenti del 140%, che saranno cumulabili agli sconti della Sabatini. Proseguendo con questo abbrivio, il 2016 dovrebbe chiudersi con un aumento del 15% rispetto al 2015, intorno a quota 155mila veicoli commerciali venduti.

«Il mercato dei veicoli commerciali, confermando il trend degli ultimi mesi dello scorso anno, apre il 2016 con una robusta crescita a doppia cifra».
Sono le parole usate da Massimo Nordio, presidente Unrae (l'associazione delle case automobilistiche estere) per commentare i dati appena pubblicati. Secondo i numeri elaborati e diffusi dal Centro studi dell'associazione, nel corso del mese di gennaio sono stati immatricolati 11.785 veicoli commerciali: si tratta di autocarri con portata fino a 3,5 tonnellate. L'incremento, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è pari al 28 per cento. A gennaio 2015, infatti, erano stati immatricolati appena 9.208 veicoli commerciali, quasi 2.600 in meno del dato di inizio 2016.

Su questi numeri pesano in maniera decisiva le nuove regole introdotte dalla legge di Stabilità per i superammortamenti. «Stanno avendo un ruolo importante di acceleratore degli acquisti - prosegue Nordio - le agevolazioni fiscali introdotte dal 15 ottobre scorso nella legge di Stabilità, che consentono di portare in ammortamento il 140% del costo di acquisto dei beni strumentali». Già a partire dal mese di novembre del 2015 si sono visti i primi effetti positivi della novità sulle vendite di veicoli da lavoro. Numeri confermati dalle rilevazioni di dicembre e di gennaio.
Non si tratta, però, del solo elemento positivo: i superammortamenti, infatti, sono cumulabili con gli sconti della Sabatini. «All'interno di un migliorato quadro macroeconomico – conclude Nordio – gli interventi legati al superammoramento e alla legge Sabatini, dimostrano che la riduzione della pressione fiscale è uno strumento più efficace dei classici incentivi di un tempo ed è capace di imprimere l'accelerazione necessaria al rinnovo del parco più anziano».
La previsione è che, nel 2016, la vendita di veicoli commerciali possa confermare questo trend, avvicinandosi a una crescita del 15%, pari a circa 155mila unità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA