Ambiente e Trasporti

Emergenza smog, Galletti accelera sui fondi per mobilità sostenibile e colonnine per le auto elettriche

Mau.S.

Il ministro dell'Ambiente annuncia i decreti per distribuire 85 milioni di finanziamenti al tavolo per la qualità dell'aria convocato ieri con Regioni e Comuni

Subito i decreti per distribuire gli 85 milioni destinati alla mobilità. È il risultato più importante emerso dal secondo appuntamento sull'emergenza smog , convocato dal ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti con Comuni e Regioni.

I fondi citati dal ministro riguardano 35 milioni per la mobilità sostenibile previsti dal collegato ambiente, entrato in vigore ieri e altri 50 milioni per finanziare la realizzazione delle colonnine per la ricarica delle auto elettriche all'interno del fondo Kyoto. Non si tratta dunque di nuovi finanziamenti, ma di fondi già stanziati ora da distribuire.

«I 50 milioni per le colonnine elettriche saranno disponibili in tempi brevi ed oggi arriveremo con il decreto firmato - ha detto Galletti - . Per i 35 del collegato per la mobilità sostenibile abbiamo sul tavolo la bozza di decreto che poi dovrà essere approvato. Per gli altri provvedimenti ci vorrà più tempo perché dobbiamo ancora fare tutta la trafila amministrativa. Il tavolo serve proprio per accelerare i tempi e l'utilizzo delle risorse».

Il tavolo sulla qualit√† dell'aria era gia stato convocato una prima volta a fine dicembre . L'incontro di ieri era già in programma. Altri incontri saranno programmati nelle prossime settimane. «Voglio convocare il tavolo una volta ogni mese o ogni mese e mezzo per fare il punto della situazione sui vari provvedimenti», ha concluso il ministro.

I 35 milioni destinati a finanziare gli interventi per la mobilità sostenibile riguardano in particolare progetti predisposti da uno o più comuni con l'obiettivo di agevolare l'uso di mezzi alternativi lungo i tragitti casa-scuola o casa-lavoro. I progetti devono riguardare ambiti territoriali superiori a centomila abitanti. Tra le iniziative finanziabili il collegato ambiente (articolo 5) cita attività di «piedibus» (colonne di bambini guidate a scuola da uno o più adulti), di bike e car sharing, oltre a piste pedonali o ciclabili e programmi di educazione stradale. Il decreto annunciato da Galletti serve proprio a definire i tempi e modalità per la presentazione dei progetti da parte degli enti locali. Un secondo provvedimento, da emanare al massimo due mesi dopo la presentazione dei progetti, dovrà poi individuare i vincitori del bando e assegnare le risorse. Entrambi i decreti, prima dell'approvazione devono passare l'esame della Conferenza unificata e delle competenti commissioni parlamentari.

A questi fondi e ai 50 milioni del fondo Kyoto per finanziare interventi pubblici e privati per l'installazione di colonnine elettriche si aggiungono i 12 milioni stanziati dal ministero dell'Ambiente per aiutare i Comuni a fare sconti sui biglietti dei mezzi pubblici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA