Ambiente e Trasporti

Aeroporti, traffico passeggeri in crescita negli scali italiani: a novembre +5,4%

Giuseppe Latour

Dati Aci Europe: Fiumicino ha fatto segnare una crescita del 4,2%, arrivando a quota 2,8 milioni di transiti, ottavo aeroporto in assoluto. Malpensa al 27esimo posto

Nessuna performance di spicco, ma una buona crescita diffusa. Dicono questo i dati appena diffusi da Aci Europe, l'associazione che riunisce gli operatori aeroportuali europei. L'Italia, nel mese di novembre, ha fatto segnare un aumento del traffico passeggeri pari al 5,4%, andando addirittura sopra la media europea del 5,1 per cento. Insomma, un sistema in salute, anche se non si segnalano particolari dati di picco in nessuno scalo italiano. Quasi tutti gli aeroporti considerati viaggiano intorno alle medie nazionali: Fiumicino, Malpensa ma anche Bergamo Orio al Serio, Linate, Ciampino, Venezia, Bologna. Da sottolineare una sola eccezione di rilievo: Napoli Capodichino, in contrazione di oltre sei punti percentuali.

A novembre, partendo dai numeri generali, il traffico passeggeri in Europa ha fatto registrare una crescita del 4,6 per cento. Se consideriamo solo il quadro degli scali dell'Unione europea, il dato è stato leggermente migliore e la crescita è arrivata al 5,1 per cento. Se, invece, guardiamo solo ai numeri degli aeroporti fuori dall'Ue, l'aumento è stato del 2,9%, decisamente più basso.

Il traffico merci, invece, si è ridotto, con una frenata complessiva dell'1,7 per cento. Sintomo di uno stato di leggera crisi. «Complessivamente – spiega il direttore generale di Aci Europe, Olivier Jankovec – il traffico passeggeri è rimasto in salute a novembre, anche se con un tasso di crescita inferiore rispetto ai mesi precedenti».

La classifica di Aci, andando più in profondità, riporta i dati degli aeroporti monitorati, raggruppandoli per settore e dimensione. Nessuno degli italiani si segnala tra i migliori, ma c'è da sottolineare che, tra quelli che sfondano il muro dei 25 milioni di passeggeri, i più performanti sono stati Madrid (12,9%), Barcellona (12,7%) e Copenaghen (12,1%). L'Italia, presa complessivamente, ha comunque fatto registrare una crescita del traffico passeggeri leggermente sopra la media europea, arrivando al 5,4 per cento. Un risultato caratterizzato dalle buone prestazioni di quasi tutti gli aeroporti del paese.

Partendo da Fiumicino, sul fronte dei passeggeri ha fatto segnare una crescita del 4,2%, arrivando a quota 2,8 milioni di transiti, ottavo aeroporto in assoluto. Dietro c'è Malpensa, al 27esimo posto: è andato anche meglio, aumentando del 6,6%, con 1,3 milioni di passeggeri nel mese considerato. Si conferma anche il periodo di salute di Orio al Serio, in crescita del 7,5%, con quasi 800mila passeggeri. Più giù, al 49esimo posto, troviamo Milano Linate, con un aumento del 6,5% e circa 730mila transiti dallo scalo.

Bene anche Venezia (+6,5% con 550mila passeggeri) e Bologna (+8,6% con 520mila passeggeri). Ciampino arriva al 67esimo posto, con una crescita del 4,8% e 450mila transiti. Cala soltanto Napoli, in contrazione del 6,3%, a quota 350mila passeggeri. Infine, va molto bene Palermo (326mila passeggeri per una crescita del 15%).


© RIPRODUZIONE RISERVATA