Ambiente e Trasporti

Dissesto/2. Campania prima per numero di progetti, Emilia Romagna per lavori avviati: la mappa delle opere

Giuseppe Latour e Mauro Salerno

I dati dell'Unità di missione di Palazzo Chigi consentono di comporre il quadro puntuale di quello che è stato fatto tra giugno del 2014 e giugno 2015

I dati dell'Unità di missione di Palazzo Chigi consentono di comporre il quadro puntuale di quello che è stato fatto tra giugno del 2014 e giugno 2015. In sostanza, restituiscono il panorama del lavoro del Governo sul fronte del dissesto idrogeologico in questi primi mesi. I numeri sono ricostruiti mettendo insieme gli elementi presenti in due banche dati: Rendis, che tiene conto di tutti i fondi statali, e Bda, che include le programmazioni comunitarie 2000-2006 e 2007-2013.

La Regione che ha più opere negli archivi dell'Unità di missione è la Campania, con 165 progetti per 576 milioni di euro di valore. Un'enormità, se consideriamo che al secondo posto c'è la Puglia che si ferma a 271 milioni per 128 opere. Sul gradino più basso del podio troviamo la Sardegna (209 milioni) e, via via, tutte le altre Regioni: Lombardia (196 milioni), Sicilia (188 milioni), Calabria (158 milioni).

Se, però, anziché guardare agli interventi complessivi ci riferiamo ai soli cantieri avviati, le classifiche cambiano di molto. La Campania ha in cantiere appena 5,8 milioni di opere, mentre in testa troviamo l'Emilia Romagna, con 64,9 milioni di interventi appaltati. Al secondo posto c'è la Sardegna (46,9 milioni) e a seguire la Toscana (46 milioni).

Insomma, è evidente che alcune Regioni hanno una lunga fila di progetti nel cassetto che non sempre coincide con altrettante opere in fase di realizzazione. Su 1,3 miliardi di interventi da avviare, 457 milioni sono concentrati nella sola Campania.

QUI LA MAPPA DI TUTTE LE OPERE REGIONE PER REGIONE DISTINTE PER FASE DI ATTUAZIONE


© RIPRODUZIONE RISERVATA