Ambiente e Trasporti

In Stabilità fondi per piste ciclabili e Grab: ecco le più belle d'Italia (e d'Europa)

Al. Tr.

Dopo l'annuncio del ministro Delrio Legambiente parla di «ciclorivoluzione». Dalla Liguria alla Puglia, dalla Germania all'Olanda, viaggio virtuale tra le ciclovie più suggestive

Le piste ciclabili diventano una priorità per l'Europa e, grazie all'accordo sul Masterplan europeo per le biciclette sottoscritto dai ministri dell'Unione, arriveranno presto risorse fresche per favorire il trasporto su due ruote. E l'Italia già pensa a un fondo per la costruzione di una rete nazionale di ciclabili e del Grab (il Grande raccordo anulare delle bici) da inserire nella prossima legge di Stabilità:lo ha annunciato lo stesso ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, nel corso della riunione con i colleghi europei , suscitando la reazione entusiasta di Legambiente, che parla di «svolta epocale» e «ciclorivoluzione».


Il nuovo impulso alle "infrastrutture" per le due ruote permetterà di moltiplicare le best practice già esistenti nel nostro Paese e nel resto dell'Unione. Dal lungomare ligure, al lago di Varese, fino alla Campania e alla Puglia sono tante, infatti, le piste ciclabili che ormai si snodano lungo tutta la Penisola e che, complici gli splendidi panorami, rientrano sempre più spesso nelle classifiche delle ciclovie più belle. Ma anche il resto dell'Europa non è da meno, con le famosa ciclovia del Reno in Germania e la suggestiva Starry Night olandese, la pista dedicata a Van Gogh costruita con speciali pietre che si illuminano al buio .


© RIPRODUZIONE RISERVATA